systemd per consentire il fallback automatico a un kernel precedente in caso di errore di avvio

Di recente, systemd ha lanciato una nuova funzionalità per gestire l'errore di avvio. Leggiamo su questo in questa breve copertura sullo stesso.

Cos'è Systemd, di nuovo?

Systemd è un demone di sistema che funge da suite software di blocchi di base per un sistema Linux. Facilita la gestione dei sistemi e dei servizi e avvia il resto del sistema. È convenzionalmente rappresentato tutto in lettere minuscole come systemd (daemon di sistema) secondo gli standard Unix / Linux.

È stato avviato come progetto di sviluppo nel 2010 da Lennart Poettering e Kay Sievers. Fedora è diventata la prima grande distribuzione a includere systemd per impostazione predefinita da maggio 2011.

L'inclusione di systemd ha creato una sorta di rivolta in utenti Linux esperti. Distribuzioni come Devuan sono state create solo per tenere il sistema lontano.

Non sto andando nel dibattito systemd vs init qui. Questa è interamente la tua chiamata se capisci i dettagli tecnici. Ho intenzione di condividere la nuova funzionalità di systemd insieme con la mia esperienza nel correggere il fallimento di avvio con esso.

Conteggio all'avvio: la più recente funzionalità di Systemd

Come suggerisce la frase, il conteggio dei tentativi di avvio fa parte di una versione riveduta di "Automatic Boot Assessment" di systemd, che consente di tenere traccia degli errori e degli errori del kernel.

Con l'aiuto di questa valutazione, il sistema può automaticamente tornare a una versione precedente del sistema operativo / kernel, nel caso in cui uno più recente rifiuta di avviarsi correttamente a causa di un errore.

La serie riveduta di funzionalità del nuovo Automatic Boot Assessment di systemd è disponibile nella documentazione di GitHub. Puoi leggerlo se sei interessato ai dettagli tecnici.

Gli sviluppatori suggeriscono inoltre che oltre a fornire una soluzione completa sui sistemi UEFI, i diversi componenti possono anche essere usati indipendentemente in combinazione con altri software.

Diagnostica i problemi con systemd: My Experience

Sono entusiasta di questa nuova funzionalità di systemd. Questo potrebbe risparmiare un sacco di tempo e problemi per gli utenti Linux. Condividerò la mia esperienza con il problema di avvio PRIMA DI systemd ha introdotto questa funzionalità di avvio.

Systemd mi ha aiutato a diagnosticare un problema in passato sul mio sistema dual-boot e penso che sarebbe utile condividere l'esperienza qui, per conoscere la sua intraprendenza:

Una volta, mentre tentavo di avviare il sistema Ubuntu 16.04 LTS, ho ricevuto il seguente messaggio di errore dopo aver selezionato la stessa da GRUB:

Sono rimasto allarmato dal fatto di essere stato "accolto" con un messaggio così fastidioso all'improvviso dopo una giornata impegnativa al lavoro. Quando ho letto che si parla di uno dei miei hard disk per PC (/ dev / sdb3), ho il suggerimento che potrebbe essere necessario fare qualcosa con la funzione di sospensione di Windows 10 e il fatto che i tentativi di spegnimento su Windows 10 sono in realtà di ibernazione parziale per un avvio più veloce.

Non appena ho avuto questo suggerimento, ho avviato Windows e ho chiuso completamente tenendo premuto il tasto Shift e poi facendo clic su Shutdown dal menu Startup di Windows, dopo il quale sono riuscito ad accedere ad Ubuntu. D'ora in poi, ho disabilitato "avvio veloce" e ibernazione su Windows.

Quando ho esaminato i registri con l'aiuto del comando, su Ubuntu, ho scoperto che il messaggio di errore fa parte delle funzionalità di systemd . Ho usato il seguente comando per memorizzare l'output completo del comando in un file di registro:

journalctl -xb | tee systemdlogged.log 

Passando attraverso il file di registro, ho potuto riconfermare che era effettivamente dovuto ad una sospensione parziale su Windows 10 ( Impossibile creare una sessione: già in esecuzione in una sessione ).

Amore o odio?

Come potete vedere, questo nuovo fallback automatico del kernel precedente potrebbe salvare qualche problema con gli utenti Linux.

Questa idea consentirebbe l'implementazione di schemi simili su altri boot loader o sistemi non UEFI. Forse systemd può anche essere considerato per l'uso con LinuxBoot in futuro?

Raccomandato

Linux Kernel 4.12 È uscito! Queste sono le caratteristiche più importanti
2019
Come installare i temi delle icone in Linux Mint Cannella
2019
GeckoLinux Review: un openSUSE Spin senza problemi
2019