Nuovi lead per la malaria scoperti: Open Source Pharma FTW!

Buona domenica scientifica! Ci sono state alcune notizie promettenti nel campo della ricerca contro la malaria! In questo nuovo articolo su Open Science, parleremo delle attuali sfide che affrontiamo riguardo alla malattia e di cosa tratta la nuova scoperta open source!

Nei nostri precedenti articoli scientifici, abbiamo parlato del progetto Open Source Malaria e Open Source Pharma. Potresti voler esaminarli prima di continuare a leggere.

Come la malaria influisce sulla vita: sfide e fatti

  • La malaria rimane una delle malattie infettive più importanti del mondo nonostante i notevoli progressi nel combatterla.
  • La malattia mortale colpisce circa 216 milioni di persone ogni anno.
  • Il 50% della popolazione mondiale è a rischio di sviluppare la malattia.
  • Ogni anno, circa 445.000 persone muoiono a causa della malattia.
  • La maggior parte di queste morti annuali sono di bambini con meno di 5 anni.
  • Gli organismi responsabili della malaria umana sono chiamati parassiti di Plasmodium .
  • Il Plasmodium falciparum è responsabile della maggior parte dei casi di malaria ed è il più letale.
  • Plasmodium vivax ha la più grande distribuzione globale, essendo la causa più frequente e ampiamente distribuita di malaria ricorrente
  • I viaggiatori si affidano a farmaci anti-malaria chemoprotettivi a breve termine
  • Le persone che vivono in regioni endemiche fanno affidamento sulla protezione della malaria a lungo termine con reti trattate con insetticida e controllo vettoriale.

Limitazioni delle reti trattate con insetticida

  • Schermatura insufficiente dalla malaria
  • Perdita di potenza con il tempo
  • Ingombrante e difficile da usare

Vi è anche una preoccupazione per la resistenza alle zanzare agli insetticidi attivi utilizzati nelle reti trattate con insetticida e nel controllo vettoriale.

La nuova scoperta seguita da un modello di chemioprotezione per supportare un profilo di farmaco antimalarico ideale, considerando le crescenti sfide nelle soluzioni anti-malaria.

I parassiti esoeritrocitici invadono e si sviluppano nel fegato e sono responsabili della prima fase della malaria quando non si notano sintomi. I farmaci chemioprotettivi tipicamente lavorano contro tali parassiti, proteggendo le persone che vivono vicino o che viaggiano in aree che sono state ripulite dai parassiti. La chemioprotezione ad azione prolungata nelle regioni endemiche potrebbe anche ridurre in larga misura i numeri dei parassiti circolanti e potenzialmente sostituire un vaccino attraverso una campagna di eliminazione della malaria.

Un complesso test richiede la produzione di zanzare allevate da laboratorio infette e la dissezione delle ghiandole salivari infette da sporozoiti dai torace delle zanzare rende molto difficile effettuare ricerche su larga scala per la prevenzione della malattia.

La nuova scoperta open source

I nuovi Derivati ​​Chemoprotettivi 631, analizzati da 500.000 composti, prendono di mira i seguenti due obiettivi noti:

  • Citocromo bc1
  • Diidroorotato deidrogenasi

La dimostrazione di successo di una sostanziale nuova e diversificata condotta chimica rispetto ai due obiettivi sopra elencati è ora diventata una risorsa completa per la comunità di ricerca antimalarica per accelerare l'eliminazione della malaria con la chemoprotezione e la chemioprevenzione attraverso la scoperta di farmaci open source.

Forse questa nuova scoperta potenzia l'intelligenza artificiale open source con alcuni nuovi esaurienti set di dati per la ricerca antimalarica? Possiamo relazionarci? Sentiti libero di condividere i tuoi pensieri nella sezione commenti.

DOI io. 10.1126 / science.aav7479 e DOI ii. 10.1126 / science.aat9446

Raccomandato

Come usare i file RAR in Ubuntu Linux
2019
Vedi la cronologia chat modificata di Skype in Linux
2019
No scherzo! Microsoft ha aderito alla Linux Foundation
2019