Altre città italiane passano all'open source

L'adozione dell'open source è una tendenza in crescita in Italia sembra. Dopo che la città di Torino e Udine ha optato per OpenOffice e chiuso la porta su Microsoft Office, le notizie di Todi e Terni stanno passando a LibreOffice.

Rapporti dell'Osservatorio Open Source:

Questo mese, la città di Todi completerà il suo passaggio a LibreOffice, e quello a Terni inizierà, dice Alfredo Parisi, fondatore di LibreUmbria e ricercatore all'Università di Perugia - uno dei membri del progetto. L'amministrazione di Todi ha 70 PC e Terni 50. LibreUmbria lo scorso anno ha assistito l'amministrazione della provincia di Perugia, utilizzando LibreOffice su tutti i suoi 1200 PC e l'Azienda Sanitaria Locale di Perugia, che ha installato la suite dell'ufficio su 600 PC.

L'intera migrazione di LibreOffice è iniziata con il progetto LibreUmbria. LibreUmbria è il progetto di migrazione della Regione Umbria a LibreOffice dalla proprietà MS Office. Oltre a lavorare sul progetto di migrazione di LibreOffice, LibreUmbria promuove anche Linux e Open Source e aiuta le persone a fare il passaggio.

Come per il prossimo passo, LibreUmbria inizierà ora ad avvicinarsi alle scuole della regione. Mira a formare insegnanti, studenti e i loro genitori, spiegandoli come usare LibreOffice, Ubuntu Linux e altre soluzioni di software libero.

Parisi dice:

"Gli stessi istruttori che hanno assistito le amministrazioni pubbliche umbre sono volontari nel nostro approccio alle scuole, e gli insegnanti della scuola stanno raggiungendo i loro coetanei".

Mentre queste due città potrebbero essere piccole sia in termini di geografia che di numero di computer, questo è ancora un passo encomiabile. Spero che più città seguano presto la causa.

Fonte di notizie.

Raccomandato

Primo sguardo agli sfondi predefiniti di Ubuntu 15.10
2019
Come mostrare la percentuale della batteria in Ubuntu 18.04 e 17.10
2019
Personalizzazione Ubuntu MATE
2019