Linux Mint 18 avrà il proprio set di app

È frequente per gli sviluppatori di distro creare e pubblicare una serie di app progettate specificamente per le loro distribuzioni. Un grande esempio di questo è il SO elementare. Nove anni, Linux Mint sta finalmente facendo il grande passo e facendo lo stesso.

[Tweet "#LinuxMint per ottenere finalmente le sue app in Mint 18."]

Linux Mint è una delle distribuzioni Linux più conosciute disponibili. Basato su Ubuntu e Debian, Linux Mint si sforza di creare un "sistema operativo moderno, elegante e confortevole che sia potente e facile da usare". Il team dietro Linux Mint è anche molto coinvolto negli ambienti desktop MATE e Cinnamon.

I primi X-Men, ora X-Apps

Giovedì, il capo del progetto Linux Mint, Clement Lefebvre, ha annunciato la creazione di X-Apps. Le X-Apps sono progettate per essere indipendenti dal desktop in modo che gli sviluppatori possano aggiornarle senza doverle modificare per ciascun ambiente desktop. Lefebvre ha dichiarato che queste X-Apps sarebbero state utilizzate come applicazioni predefinite per Cinnamon, MATE e Xfce.

Linux ha bisogno di altre app?

Secondo Lefebvre, la creazione di X-Apps è stata resa necessaria dal rilascio di GNOME 3.18. Ha detto che con il rilascio di GNOME 3.18:

"La stessa GTK e molte delle applicazioni GNOME ora si integrano meglio con la shell GNOME e sembrano più native in quell'ambiente. La cattiva notizia è che ora sembrano completamente fuori posto altrove. A peggiorare le cose, Unity, il prodotto di punta di Ubuntu, fa molto affidamento su GTK, le applicazioni GNOME e l'ambiente GNOME stesso, quindi non abbiamo a che fare con la versione upstream di 3.18 qui, ma con una raccolta di patch che portano il loro problemi (un esempio è che Ubuntu reintroduce le barre dei menu e le barre del titolo nelle applicazioni, ma senza riscrivere la loro barra di intestazione .. quindi a volte le vedi tutte e tre). "

In passato, il team di Linux Mint ha risolto il problema "downgrade delle app (Linux Mint 17 utilizza gedit 2.30 per esempio), patch di GNOME (GTK e varie app di GNOME) e l'utilizzo di alternative (principalmente in MATE e Xfce)".

Lefebvre ha anche affermato che non aveva senso costruire applicazioni specifiche per Cinnamon e MATE, per questo motivo hanno scelto di lavorare su app che sarebbero state generiche, perfettamente adatte per l'esecuzione in Cinnamon, MATE e Xfce (e probabilmente in altri ambienti desktop).

Ha inoltre aggiunto:

X-Apps sarà una raccolta di applicazioni GTK3 generiche che utilizzano interfacce tradizionali che possono essere utilizzate come componenti desktop predefiniti in Cinnamon, MATE e Xfce. In Mint 18, le "app X" ci permetteranno di mantenere un aspetto nativo e un buon livello di integrazione, perché saranno utilizzate per sostituire le applicazioni GNOME che ora sembrano straniere (usando i headbars e un layout distintivo). A lungo termine, il progetto X-App ci consentirà di innovare e sviluppare nuove funzionalità e miglioramenti nelle applicazioni stesse (questo è qualcosa che non potremmo fare tramite patch, forcelle temporanee o fork specifici di DE come le app MATE perché era troppo costoso).

Che tipo di app saranno disponibili?

Xedit: l'editor di testo

Lefebvre ha rivelato solo una delle prossime X-Apps: un editor di testo chiamato xedit. Ecco alcune delle funzionalità che fornirà:

  • Basato su Pluma per abbassare la curva di apprendimento
  • Fa uso di GTK3
  • Non dipende da GNOME o MATE

quando

Le X-Apps arriveranno insieme a Linux Mint 18, che seguirà il rilascio di Ubuntu 16.04 LTS di diversi mesi. Ubuntu 16.04 è prevista per il rilascio ad aprile.

Pensieri finali

Personalmente, ogni volta che sento parlare di qualcuno che rilascia nuove app di distribuzione specifica, rabbrividisco. L'universo Linux è già incredibilmente frammentato. Abbiamo davvero bisogno di più progetti duplicati per prendere tempo ed energie per creare? Non fraintendermi, mi piace l'idea delle app indipendenti dal desktop. Risolverà molti problemi con il modo in cui le app guardano dalla distro alla distro.

Il problema che mi preoccupa è "Saranno in grado di farcela?" Come ho detto prima, i ragazzi di Linux Mint lavorano anche su due ambienti desktop. Ora aggiungi lo sviluppo dell'applicazione al mix. Non ho mai scritto un software (a parte uno che diceva "Hello, World"), ma so che quando si tenta di complicare un progetto accadono cose brutte. Molti progetti sono caduti nel dragone del feature creep, spero che non succeda qui.

Hai una presa diversa? Fatemi sapere nei commenti qui sotto.

Raccomandato

Come installare e configurare Plex su Ubuntu Linux
2019
Risolto il problema "Impossibile avviare la sessione" all'accesso in Ubuntu 16.04
2019
Controlla informazioni dettagliate sulla CPU in Linux con CoreFreq
2019