Come proteggere con password una cartella in Linux

Nell'ultimo post, abbiamo visto come creare un file zip protetto da password in Linux. In questo post vedremo come proteggere con password una cartella in Ubuntu Linux .

Potresti trovarti in una situazione in cui condividi spesso il tuo computer con altre persone, ma hai alcuni file privati ​​che non vuoi che gli altri vedano.

Ovviamente puoi nasconderlo in posti dove gli altri non riescono a trovarlo. Ma questo non è completamente infallibile perché i file verranno mostrati nei risultati di ricerca del desktop.

Ricordo che quando ero al college, i modi popolari per nascondere "file speciali" erano metterli sotto l'unità C o in una struttura di cartelle profondamente annidata. C'erano anche alcune applicazioni che utilizzavano per bloccare le cartelle con una password. Come le applicazioni di blocco della galleria sugli smartphone, queste applicazioni erano molto popolari per nascondere i file privati, ecc.

Non ho usato applicazioni di blocco delle cartelle in Linux per anni. Principalmente perché il mio laptop viene utilizzato solo con me e anche perché non ho la necessità di nascondere alcun file.

Se è così, allora perché stiamo parlando di blocco delle cartelle per Linux oggi? È perché ho ricevuto una richiesta da un lettore di It's FOSS per un tutorial sulle cartelle crittografate in Ubuntu. Se questo è qualcosa che ti interessa, vediamo come bloccare una cartella in Linux .

Proteggere con password le cartelle in Linux

Prima di continuare con le istruzioni lascia che ti avverta di qualcosa. Gli strumenti qui menzionati utilizzano EncFs. È un file system crittografico open source.

Il problema con EncFs è che un audit di sicurezza nel 2014 ha rilevato alcune vulnerabilità in EncFs. Sebbene queste vulnerabilità non siano facilmente sfruttabili, ciò significa che gli EncF non sono sicuri per il "grado militare". Per un utente medio del desktop, dovrebbe funzionare bene.

Sto usando Ubuntu in questo tutorial ma puoi qualsiasi altra distribuzione Linux basata su Ubuntu come Linux Mint, SO elementare ecc. In effetti, i passaggi dovrebbero essere applicabili ad altre distribuzioni Linux come Fedora, Arch Linux etc ma i comandi da installare lo strumento non sarà lo stesso.

Metodo 1: bloccare le cartelle con Gnome Encfs Manager

Vediamo come installare Gnome Encfs Manager.

Se stai usando Ubuntu o Linux Mint o altre distribuzioni Linux basate su Ubuntu, puoi usare il PPA ufficiale usando il comando seguente:

 sudo add-apt-repository ppa: gencfsm sudo apt update sudo apt installa gnome-encfs-manager 

I pacchetti per Debian, Fedora e openSUSE sono disponibili qui.

Se stai usando GNOME su Wayland (ad esempio Ubuntu 17.10), dovresti usare questa estensione di GNOME per aggiungere l'accesso rapido al pannello superiore. Leggi questo articolo per imparare come usare le estensioni GNOME.

Una volta installato, potrebbe essere necessario disconnettersi per vedere l'applicazione funzionante. Vai al menu dell'applicazione e avvia Gnome Encfs Manager. Fai clic sul segno + per aggiungere una nuova cartella che ti verrà bloccato con una password. Una cartella protetta da password è chiamata stash nella terminologia di questa applicazione.

Qui puoi creare una nuova directory o sfogliarne una esistente. Puoi provare a proteggere con password una cartella esistente ma i file che sono già presenti nella cartella non verranno bloccati. Per questo motivo, suggerisco di creare una nuova cartella e spostare i file dopo averlo protetto con password.

Non dimenticare di usare una password che ricorderai facilmente. Se dimentichi la password, dovresti anche dimenticare i file bloccati con essa.

Una volta creata la cartella, è possibile iniziare a copiare i file su di essa. La cartella bloccata verrà vista come un'unità montata quando è stata sbloccata.

È possibile ottenere il controllo sulla cartella bloccata dall'estensione GNOME. Non sono sicuro che altri ambienti desktop abbiano qualcosa di simile. Lascio questo alla tua esplorazione.

Dopo aver copiato i file nella cartella segreta, è sufficiente smontarlo. Puoi farlo deselezionando la cartella montata dall'estensione del pannello come mostrato sopra. Quando si desidera accedervi, utilizzare l'utilità di avvio nel pannello superiore o avviare nuovamente il programma.

Puoi anche utilizzare alcune impostazioni avanzate come l'avvio automatico o lo smontaggio automatico dopo un certo periodo di inattività.

Nota che la cosiddetta directory segreta sarà visibile e accessibile a chiunque si trovi nella sua posizione normale. Tuttavia, il suo contenuto non sarà nel formato leggibile, nemmeno i nomi dei file. Quando monti la cartella bloccata, diventerà leggibile.

Questo è tutto ciò che devi sapere sulle cartelle di protezione delle password con Gnome Encfs Manager.

Post correlati: Come cambiare le password degli utenti nelle distribuzioni Linux basate su Ubuntu.

Metodo 2: bloccare i file con Cryptkeeper

Un altro avvertimento qui. Cryptkeeper ha una vulnerabilità con le versioni più recenti di EncFs (1.9 e successive). La vulnerabilità non è stata corretta ed è meno probabile che venga sempre risolta perché il progetto è stato abbandonato. Non ci sono nuovi cambiamenti nel codice per diversi anni e il sito Web dello sviluppatore non esce più.

Questo è il motivo per cui non raccomanderò più di usare questo metodo.

Cryptkeeper è uno strumento GUI che utilizza EncFS in background. È un'applicazione popolare ed è disponibile nella maggior parte dei repository software per impostazione predefinita.

Per Ubuntu e altre distribuzioni Linux basate su Ubuntu, usa il comando seguente per installare Cryptkeeper.

 sudo apt-get install cryptkeeper 

Per le distribuzioni Linux basate su Fedora, utilizzare il comando seguente:

 sudo yum install cryptkeeper 

Una volta installato, suggerisco un riavvio per evitare sorprese. Puoi iniziare subito il programma.

Cryptkeeper in Ubuntu Unity

Una volta avviato Cryptkeeper, non vedrai immediatamente l'interfaccia. Dovrai cercare nel pannello superiore (o nel pannello in basso, a seconda dell'ambiente desktop). Cryptkeeper è un'applet indicatore piuttosto che un'applicazione desktop completa.

Fare clic su Nuova cartella crittografata per creare una nuova cartella segreta.

Clicca su Nuova cartella criptata

Assegna un nome alla cartella e seleziona la sua posizione. E quindi fare clic su Avanti .

Assegna un nome alla cartella e seleziona la sua posizione

Dovrai fornire una password per la cartella crittografata. Successivamente, fai clic su Avanti .

Fornire una password

Ecco! La tua cartella protetta da password è letta per l'uso.

Cartella protetta da password creata con successo

Per accedere alla cartella bloccata, dovrai selezionarla dall'applet di Cryptkeeper:

Accedi alla cartella crittografata

Certo, chiederà la password:

Inserire la password

Una volta che lo fai, la tua cartella segreta sarà accessibile a te. Puoi vederlo montato come una partizione separata. È perché EncFS crea un filesystem separato all'interno dello spazio utente.

È possibile creare nuovi file nella cartella crittografata o copiare gli elementi incollati da altre directory. Una volta sbloccato, puoi usarlo come una normale cartella.

Cartella bloccata in accesso

Per bloccare nuovamente la cartella, dovrai utilizzare nuovamente l'applet indicatore. Vai su di esso e deseleziona la cartella richiesta, quindi fai semplicemente clic di nuovo su di essa.

Blocca di nuovo la cartella

Se si desidera eliminare definitivamente la cartella segreta, è possibile scegliere l'opzione Modifica dal menu Cryptkeeper. Lo stesso menu Modifica offre anche la possibilità di cambiare la password.

Cambia password o elimina cartella

Nota che, Cryptkeeper non verrà avviato automaticamente ad ogni avvio. Se lo desideri, leggi questa guida per gestire le applicazioni di avvio in Ubuntu e scopri come avviare Cryptkeeper ad ogni avvio.

Goditi la tua cartella privata bloccata in Linux :) Qualsiasi domanda o suggerimento è sempre ben accetto.

Raccomandato

Apple Mac OS X è open source ora
2019
Scarica bellissimi sfondi per la tua distribuzione Linux preferita
2019
Rilassati con suoni naturali usando il lettore musicale Ambient Noise in Ubuntu
2019