Come installare Google Chrome App Launcher in Linux

Attenzione!

Google Chrome App Launcher è stato interrotto. Elementi come Google Keep ecc vengono automaticamente aggiunti al menu quando si installa Google Chrome in Ubuntu.

Google Chrome versione 35 con Aura UI (che sostituisce GTK 2) è arrivato su Linux. La nuova versione porta anche un centro di notifica in cui è possibile visualizzare tutte le notifiche non lette. Se utilizzi Google Now sul tuo dispositivo Android o sull'app Ricerca Google su iOS, dovresti ricevere anche la notifica delle schede Google Now sul tuo desktop Linux.

C'è un'altra funzionalità che non è abilitata per impostazione predefinita e che è Avvio applicazioni di Chrome. Come suggerisce il nome, Chrome App Launcher fornisce un accesso rapido a tutte le tue app Google Chrome. Se l'app è un'app desktop come Google Keep, verrà aperta la rispettiva app, altrimenti verrà aperta in una nuova scheda di Google Chrome. In questo post rapido, vedremo come installare Google Chrome App Launcher nelle distribuzioni Linux come Ubuntu, Linux Mint, Fedora, SO elementare ecc.

Installa Chrome App Launcher in Linux

Innanzitutto assicurati di utilizzare l'ultima versione di Google Chrome. Quando sei sicuro di avere la versione più recente, procedi nel seguente modo:

  • Apri Google Chrome
  • Digita chrome: // flags nella barra degli indirizzi
  • Qui puoi abilitare le funzionalità sperimentali. Cerca Abilita l'avvio dell'app e fai clic su Abilita per abilitare il launcher di app di Chrome.

  • Riavvia Google Chrome
  • Cerca tra le applicazioni di Avvio applicazioni di Chrome. In Ubuntu Unity, guarda in Unity Dash.

Ecco come appare l'App Store di Chrome in Ubuntu 14.04:

Questo è tutto. Spero che questo post rapido ti abbia aiutato a ottenere Chrome App Launcher in Linux. Condividi le tue opinioni sul nuovo Google Chrome.

Raccomandato

Come installare e configurare Plex su Ubuntu Linux
2019
Risolto il problema "Impossibile avviare la sessione" all'accesso in Ubuntu 16.04
2019
Controlla informazioni dettagliate sulla CPU in Linux con CoreFreq
2019