Come installare Arch Linux

Breve: Questo tutorial ti mostra come installare Arch Linux in semplici passaggi.

Arch Linux è una distribuzione Linux x86-64 generica che è stata popolare tra gli appassionati di fai-da-te e gli utenti hardcore di Linux. L'installazione predefinita copre solo un sistema di base minimo e si aspetta che l'utente finale la configuri e la usi. Basato sul KISS: Keep It Simple, Stupid! principio, Arch Linux si concentra sull'eleganza, sulla correttezza del codice, sul sistema minimalista e sulla semplicità.

Arch Linux supporta il modello di Rolling release e ha il proprio gestore di pacchetti - pacman . Con l'obiettivo di fornire un sistema operativo all'avanguardia, Arch non perde mai di avere un repository aggiornato. Il fatto che fornisca un sistema di base minimo offre la possibilità di installarlo anche su hardware di fascia bassa e quindi installare solo i pacchetti necessari su di esso.

Inoltre, è uno dei più popolari sistemi operativi per l'apprendimento di Linux da zero. Se ti piace sperimentare un atteggiamento fai da te, dovresti provare ad Arch Linux. È ciò che molti utenti di Linux considerano un'esperienza di base di Linux.

In questo articolo vedremo come installare e configurare Arch Linux e quindi un ambiente desktop su di esso.

Come installare Arch Linux

Il metodo di cui discuteremo qui spazza via i sistemi operativi esistenti dal tuo computer e installa Arch Linux su di esso. Quindi, se seguirai questo tutorial, assicurati di aver eseguito il backup dei tuoi file altrimenti perderai tutto. Sei stato avvertito.

Ma prima di vedere come installare Arch Linux da una porta USB, assicurati di avere i seguenti requisiti:

Requisiti per l'installazione di Arch Linux:

  • Una macchina compatibile x86_64 (cioè a 64 bit)
  • Minimo 512 MB di RAM (consigliato 2 GB)
  • Almeno 1 GB di spazio libero su disco (consigliato 20 GB per l'utilizzo di base)
  • Una connessione Internet attiva
  • Un'unità USB con almeno 2 GB di capacità di archiviazione
  • Familiarità con la linea di comando di Linux

Dopo esserti assicurato di avere tutti i requisiti, procediamo con l'installazione di Arch Linux.

Passaggio 1: Scarica l'ISO

Puoi scaricare l'ISO dal sito ufficiale. Arch Linux richiede una macchina compatibile x86_64 (cioè a 64 bit) con un minimo di 512 MB di RAM e 800 MB di spazio su disco per un'installazione minima. Tuttavia, si consiglia di disporre di 2 GB di RAM e almeno 20 GB di spazio di archiviazione affinché una GUI funzioni senza problemi.

Passaggio 2: crea una USB live di Arch Linux

Dovremo creare una USB live di Arch Linux dall'iso appena scaricato.

Se sei su Linux, puoi usare il comando dd per creare un USB live. Sostituire /path/to/archlinux.iso con il percorso in cui è stato scaricato il file ISO e / dev / sdx con l'unità nell'esempio seguente. È possibile ottenere le informazioni sull'unità utilizzando il comando lsblk .

dd bs=4M if=/path/to/archlinux.iso of=/dev/sdx status=progress && sync 

Su Windows, ci sono diversi strumenti per creare un live USB. Lo strumento consigliato è Rufus. Abbiamo già trattato un tutorial su come creare una USB live di Antergos Linux usando Rufus in passato. Poiché Antergos è basato su Arch, puoi seguire lo stesso tutorial.

Passaggio 3: avvio dall'USB live

Una volta creato un USB live per Arch Linux, spegni il PC. Collega la tua USB e avvia il tuo sistema. Durante l'avvio continua a premere F2, F10 o F1 in funzione sul sistema) per accedere alle impostazioni di avvio. Qui, selezionare per l'avvio da USB o disco rimovibile.

Una volta selezionato, dovresti vedere un'opzione come questa:

Seleziona Boot Arch Linux (x86_64). Dopo vari controlli, Arch Linux si avvierà al prompt di login con l'utente root.

I prossimi passi includono il partizionamento del disco, la creazione del filesystem e il suo montaggio.

Passaggio 4: partizionamento dei dischi

Il primo passo include il partizionamento del disco rigido. Una singola partizione di root è la più semplice in cui creeremo una partizione di root (/), una partizione di swap e una home.

Ho un disco da 19 GB in cui voglio installare Arch Linux. Per creare un disco, digitare

 fdisk /dev/sda 

Digitare " n " per una nuova partizione. Digitare " p " per una partizione primaria e selezionare il numero della partizione.

Il primo settore viene selezionato automaticamente e devi solo premere Invio. Per Ultimo settore, digitare la dimensione che si desidera allocare per questa partizione.

Crea altre due partizioni allo stesso modo per casa e scambio, e premi " w " per salvare le modifiche ed uscire.

Passaggio 4: creazione del filesystem

Poiché abbiamo creato 3 diverse partizioni, il passo successivo è formattare la partizione e creare un filesystem.

Useremo mkfs per la partizione root e home e mkswap per creare lo spazio di swap. Stiamo formattando il nostro disco con il filesystem ext4.

 mkfs.ext4 /dev/sda1 mkfs.ext4 /dev/sda3 mkswap /dev/sda2 swapon /dev/sda2 

Consente di montare questi filesystem su root e home

 mount /dev/sda1 /mnt mkdir /mnt/home mount /dev/sda3 /mnt/home 

Passaggio 5: installazione

Dato che abbiamo creato il partizionamento e montato, installiamo il pacchetto base. Un pacchetto base contiene tutto il pacchetto necessario per eseguire un sistema, alcuni dei quali sono la shell GNU BASH, lo strumento di compressione dei dati, le utilità del file system, la libreria C, gli strumenti di compressione, i kernel e moduli Linux, i pacchetti di librerie, le utilità di sistema, le utilità dei dispositivi USB, vi editor di testo ecc.

 pacstrap /mnt base base-devel 

Passaggio 6: configurazione del sistema

Genera un file fstab per definire in che modo le partizioni del disco, i dispositivi a blocchi o i file system remoti sono montati nel filesystem.

 genfstab -U /mnt >> /mnt/etc/fstab 

Cambia root nel nuovo sistema, questo consente di cambiare la directory root per il processo in esecuzione corrente e il processo figlio.

 arch-chroot /mnt 

Alcuni strumenti systemd che richiedono una connessione dbus attiva non possono essere utilizzati all'interno di un chroot, quindi sarebbe meglio se usciamo da esso. Per uscire da chroot, utilizzare il seguente comando:

 exit 

Passaggio 7. Impostazione del fuso orario

Usa il comando sotto per impostare il fuso orario.

 ln -sf /usr/share/// /etc/localtime 

Per ottenere un elenco di zone, digitare

 ls /usr/share/zoneinfo 

Esegui hwclock per impostare l'orologio hardware.

 hwclock --systohc --utc 

Passaggio 8. Impostazione delle impostazioni internazionali.

Il file /etc/locale.gen contiene tutte le impostazioni locali e la lingua del sistema in un formato commentato. Apri il file usando l'editor vi e annulla la lingua che preferisci. L'avevo fatto per en_GB.UTF-8 .

Ora generi la configurazione locale nel file di directory / etc usando i comandi seguenti:

 locale-gen echo LANG=en_GB.UTF-8 > /etc/locale.conf export LANG=en_GB.UTF-8 

Passaggio 9. Installazione del bootloader, impostazione del nome host e della password di root

Creare un file / etc / hostname e aggiungere una voce corrispondente all'host.

127.0.1.1 myhostname.localdomain myhostname

Sto aggiungendo ItsFossArch come nome host:

 echo ItsFossArch > /etc/hostname 

e poi al file / etc / hosts .

Per installare un bootloader usa i seguenti comandi:

 pacman -S grub grub-install /dev/sda grub-mkconfig -o /boot/grub/grub.cfg 

Per creare la password di root, digitare

 passwd 

e inserisci la tua password desiderata.

Una volta fatto, aggiorna il tuo sistema. È probabile che tu disponga già di un sistema aggiornato poiché hai scaricato il file ISO più recente.

 pacman -Syu 

Congratulazioni! Hai installato con successo una linea di comando minima Arch Linux.

Nel prossimo passaggio, vedremo come configurare un ambiente desktop o un'interfaccia utente grafica per Arch Linux. Sono un grande fan dell'ambiente desktop GNOME e lavoreremo all'installazione dello stesso.

Passaggio 10: installare un ambiente desktop (GNOME in questo caso)

Prima di poter installare un ambiente desktop, è necessario prima configurare la rete.

Puoi vedere il nome dell'interfaccia con il comando seguente:

 ip link 

Per me, è enp0s3.

Aggiungi le seguenti voci nel file

 vi /etc/systemd/network/enp0s3.network [Match] name=en* [Network] DHCP=yes 

Salva ed esci. Riavvia la tua rete systemd affinché le modifiche riflettano.

 systemctl restart systemd-networkd systemctl enable systemd-networkd 

E quindi aggiungere le due voci sottostanti nel file /etc/resolv.conf .

 nameserver 8.8.8.8 nameserver 8.8.4.4 

Il prossimo passo è installare l'ambiente X.

Digitare il comando seguente per installare Xorg come server di visualizzazione.

 pacman -S xorg xorg-server 

gnome contiene il desktop GNOME di base. gnome-extra contiene applicazioni GNOME, gestore di archivi, gestione disco, editor di testo e altro.

 pacman -S gnome gnome-extra 

L'ultimo passaggio include l'abilitazione del display manager GDM per Arch.

 systemctl start gdm.service systemctl enable gdm.service 

Riavvia il tuo sistema e puoi vedere la schermata di login di GNOME.

Parole finali sull'installazione di Arch Linux

Un simile approccio è stato dimostrato in questo video (guarda a schermo intero per vedere i comandi) del suo lettore FOSS Gonzalo Tormo:

Potresti aver capito ormai che installare Arch Linux non è facile come installare Ubuntu. Tuttavia, con un po 'di pazienza, puoi sicuramente realizzarlo e poi dire al mondo che usi Arch Linux.

La stessa installazione di Arch Linux offre una grande quantità di apprendimento. Vi consiglio alcune cose essenziali da fare dopo aver installato Arch Linux, dove troverete i passaggi per installare vari altri ambienti desktop e saperne di più sul sistema operativo. Puoi continuare a giocarci e vedere quanto è potente Arch.

Fateci sapere nei commenti se incontrate difficoltà durante l'installazione di Arch Linux.

Raccomandato

Il framework AI Open Source di Facebook PyTorch è alla ricerca di Solid
2019
GalliumOS: la distribuzione Linux per i Chromebook
2019
Come chiudere le applicazioni in esecuzione nel telefono Ubuntu
2019