La città francese di Tolosa ha risparmiato 1 milione di euro con LibreOffice

Tolosa, la quarta città più grande della Francia situata nel sud-ovest della Francia, ha risparmiato un milione di euro migrando verso la suite di uffici Open Source LibreOffice.

La migrazione a LibreOffice è stato uno dei progetti chiave della nuova politica digitale della città. La migrazione è iniziata nel 2012 dopo che la decisione politica per il cambio è stata presa nel 2011. Ci è voluto un anno e mezzo per completare la migrazione e ad oggi il 90% dei desktop (utilizzati da circa 10.000 persone che lavorano per la città ) esegui LibreOffice.

Secondo i funzionari della città, le licenze software per la suite per ufficio costano circa 1, 8 milioni di euro ogni tre anni. La migrazione costa circa 800.000 Euro. La città ha già salvato circa un milione di euro.

Tutto è iniziato dopo che Pierre Cohen è stato eletto sindaco di Tolosa nel 2008. Cohen, un professionista IT, ha iniziato a lavorare su una politica digitale con particolare attenzione all'open source. Sono stati gli sforzi di suo e del suo socio Erwane Monthubert che la città di Tolosa ha deciso di passare all'Open Source nel 2011.

Non è solo LibreOffice. La maggior parte dei portali web ufficiali di Toulouse come toulouse.fr, toulouse-metropole.fr, data.grandtoulouse.fr sono supportati da software libero. Alfresco è la scelta per gli strumenti di collaborazione.

Passare a Open Source sembra essere una tendenza nelle città europee. Nella vicina Spagna, Valencia e le isole Canarie hanno abbandonato Microsoft Office e salvato milioni. La polizia metropolitana francese ha sviluppato il proprio sistema operativo Linux basato su Ubuntu. La lista è infinita e spero che la mia città attuale, la Costa Azzurra, si unisca presto a questa lista.

Leggi il rapporto completo qui.

Raccomandato

KDE annuncia il sistema operativo open source basato su Linux: Plasma Mobile
2019
9 cose da fare dopo l'installazione di Ubuntu 16.04
2019
3 migliori applicazioni per Internet Streaming Radio su Ubuntu
2019