City of Barcelona dà il via a Microsoft in favore di Linux e Open Source

Breve: l'amministrazione della città di Barcellona ha preparato la roadmap per migrare il suo sistema esistente da Microsoft e software proprietario a software Linux e Open Source.

Un quotidiano spagnolo, El País, ha riferito che la città di Barcellona sta migrando il suo sistema informatico verso le tecnologie Open Source.

Secondo il notiziario, la città prevede di sostituire prima tutte le sue applicazioni utente con applicazioni open source alternative. Questo andrà avanti fino a quando l'unico software proprietario rimanente sarà Windows, dove verrà finalmente sostituito con una distribuzione Linux.

Barcellona sarà open source entro la primavera del 2019

La città ha in programma di investire il 70% del suo budget software in software open source nel prossimo anno. Il periodo di transizione, secondo Francesca Bria (Commissario di tecnologia e innovazione digitale presso il Consiglio comunale), sarà completato prima che il mandato degli attuali amministratori giunga alla fine della primavera 2019.

La migrazione mira ad aiutare i talenti IT locali

Perché ciò avvenga, la città di Barcellona inizierà a esternalizzare i progetti IT alle piccole e medie imprese locali. Avranno inoltre accesso a 65 nuovi sviluppatori per creare programmi software per le loro esigenze specifiche.

Uno dei principali progetti previsti è lo sviluppo di un mercato digitale - una piattaforma online - in cui le piccole imprese utilizzeranno per partecipare a gare pubbliche.

Ubuntu è la scelta per le distribuzioni Linux

La distro Linux da utilizzare potrebbe essere Ubuntu in quanto la City sta già eseguendo un progetto pilota di 1000 desktop basati su Ubuntu. Il notiziario rivela anche che il client di posta Outlook e Exchange Server saranno sostituiti da Open-Xchange mentre Firefox e LibreOffice sostituiranno Internet Explorer e Microsoft Office.

Barcellona diventa il primo comune ad aderire alla campagna "Public Money, Public Code"

Con questa mossa, Barcellona diventa il primo comune ad aderire alla campagna europea "Public Money, Public Code".

È un'iniziativa della Free Software Foundation of Europe e arriva dopo una lettera aperta che sostiene che il software finanziato pubblicamente dovrebbe essere gratuito. Questa chiamata è stata supportata da oltre 15.000 persone e oltre 100 organizzazioni. Puoi anche aggiungere il tuo supporto. Basta firmare la petizione e esprimere la tua opinione per l'open source.

Il denaro è sempre un fattore

Il passaggio da Windows a software Open Source secondo Bria promuove il riutilizzo, nel senso che i programmi sviluppati potrebbero essere distribuiti ad altri comuni in Spagna o altrove nel mondo. Ovviamente, la migrazione mira anche ad evitare che grandi quantità di denaro vengano spesi in software proprietario.

Cosa pensi?

Questa è una battaglia già vinta e un vantaggio per la comunità open source. Questo era molto necessario soprattutto quando la città di Monaco ha deciso di tornare a Microsoft.

Qual è la tua opinione sulla città di Barcellona che diventa open source? Prevedi altre città europee che seguono la causa? Condividi la tua opinione con noi nella sezione commenti.

Fonte: Osservatorio Open Source

Raccomandato

Il framework AI Open Source di Facebook PyTorch è alla ricerca di Solid
2019
GalliumOS: la distribuzione Linux per i Chromebook
2019
Come chiudere le applicazioni in esecuzione nel telefono Ubuntu
2019